Fotografia

Il nuovo “velocity workflow” di Photoshop CC

Come ogni anno, la conferenza annuale Adobe Max di Adobe, ha portato ad una lunga serie di aggiornamenti, innovazioni ed espansioni del suo Creative Cloud.

Il motto di Adobe è “velocizzare il workflow“, implementando tutta una serie di migliorie che permettano di lavorare più velocemente e facilmente, e da più app e dispositivi (vedi l’annuncio di Photoshop per iPad).

Le nuove funzionalità Adobe si rivolgono a progettisti, artisti, illustratori e fotografi che utilizzano Lightroom CC, Lightroom CC Classic e Adobe Camera Raw.

Ma Adobe vede ancora Photoshop CC al centro del suo sistema Creative Cloud, e quest’anno celebra la sua ventesima versione con un elenco di aggiunte e miglioramenti. Nessuna di queste è assolutamente innovativa, ma sono tutte utili, ben congegnate e puntuali.

Cosa c’è di nuovo in Photoshop CC

Una delle funzioni più utilizzate da fotografi e fotoritoccatori è la tecnologia di riempimento “Content-Aware” di Photoshop, che permette di rimuovere magicamente un oggetto da una scena come se non fosse mai esistito o, altrettanto spesso, inserire oggetti estranei e dettagli esterni. Ora, però, puoi scegliere l’area di origine per i riempimenti che supportano i contenuti e la riparazione viene apportata su un nuovo livello, in modo che
l’originale rimanga intatto. E, se prima di vedere l’effettiva modifica dei metodi di fusione del livello sei costretto a scorrerli uno ad uno, sarai felice di sapere che Photoshop CC ora mostrerà l’effetto delle diverse modalità di fusione in contemporanea mentre scorri verso il basso tra le opzioni.

Un’altra grande funzionalità che ti faciliterà il lavoro, e ti toglierà non poco stress, è quella che ti permette di utilizzare la scorciatoia da tastiera Annulla più volte per tornare indietro alle modifiche senza ricorrere alla palette Storia di Photoshop.

Un altro esempio del “velocity workflow” messo in atto da Adobe, riguarda le finestre di dialogo che applicano automaticamente le modifiche alle immagini quando si passa a un nuovo strumento dopo il testo, ritaglia, posiziona o trasforma le operazioni senza dover premere Invio o fare clic su un pulsante. Ora puoi fare doppio clic sul testo per modificarlo e oggetti come i livelli dell’immagine vengono ora trasformati ‘proporzionalmente’ – senza che tu tenga premuto il tasto Maiusc.

Altre modifiche sono rivolte più ai progettisti che ai fotografi, tra cui uno strumento per fotogrammi per il ridimensionamento automatico e il montaggio di immagini in forme o testo, mentre la pittura simmetrica duplica le pennellate su una o più “linee di simmetria” per un effetto speculare.

Come parte del suo nuovo flusso di lavoro, Adobe vuole che Photoshop CC sia più facile da usare, quindi c’è una nuova schermata Home, una sezione Novità e nuovi tutorial per l’apprendimento in-app.

Probabilmente non ci sono novità così imprescindibili da spingere gli abbonati a sottoscrivere un piano Adobe Photography o Creative Cloud, ma per gli abbonati esistenti questo è un modesto ma utile aggiornamento di Photoshop che, ovviamente, diventerà automaticamente parte del loro abbonamento. È possibile che i grandi cambiamenti negli annunci di Adobe Max 2018 si applichino alla condivisione e alla modifica delle immagini nell’ecologia di Adobe nel suo complesso piuttosto che alle singole applicazioni.

Alcuni annunci di Adobe, come Photoshop CC per iPad, sono solo anteprime tecnologiche, ma gli aggiornamenti a Photoshop CC dovrebbero essere immediatamente disponibili.

Quanto é utile?
[Totale: 0 Media: 0]
Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close