Fotocamere

Sony RX100 VI: la compatta tascabile dagli usi professionali

La Sony RX100 VI è una fotocamera compatta di fascia alta rivolta a professionisti, appassionati e vlogger. Annunciata a giugno 2018, arriva 21 mesi dopo il suo predecessore e, come tale modello, ha un sensore più grande della media e caratteristiche di fascia alta in un corpo relativamente tascabile.

Con il precedente modello la RX100 VI condivide lo stesso sensore da 1″ per 20.1 megapixel con 315 punti AF a rilevazione di fase incorporati per una messa a fuoco sicura e veloce, video 4k, scatto a 24fps con autofocus e una vasta gamma di opzioni video. Inoltre eredita il mirino XGA OLED del Mark V, anche se ora è dotato del meccanismo a singola azione di RX1r II che consente di visualizzarlo o di spostarlo nuovamente in un unico movimento. Come nel modello Mark V, c’è uno schermo da 3 pollici che può inclinarsi di 180 gradi per inquadrare il soggetto, anche se ora può essere inclinato ulteriormente di 90 gradi ed è finalmente sensibile al tocco. 

L’aggiornamento principale riguarda però l’obiettivo della RX100 VI che presenta una focale estesa equivalente a un 24-200mm con un rapporto focale f. 2,8-4,5 ragionevolmente luminoso per un corpo che ha la stessa larghezza e altezza di prima. Questa gamma offre alla Mark VI una portata considerevolmente maggiore rispetto ai 24-70mm dei suoi predecessori recenti e dà filo da torcere ai modelli Lumix TZ100 / ZS100 e TZ200 / ZS200 di Panasonic e, mentre la nuova Sony non condivide la loro portata ottica, la sua apertura è più luminosa e l’autofocus più efficace per catturare le scene d’azione. 

Come ogni fotocamera di nuova generazione, la RX100 VI è anche dotata di Bluetooth, S-Log 2 e 3, video HLG HDR e registrazione proxy. Purtroppo non c’è ancora alcuna possibilità di collegare un microfono esterno e il passaggio a uno zoom più lungo ha significato sacrificare la precedente apertura a 1.8 in favore della 2.8 e il filtro ND incorporato del suo predecessore. 

I videomaker probabilmente preferiranno la mark V, ma chiunque desideri una fotocamera tascabile capace di viaggiare apprezzerà la gamma di zoom più lunga, per non parlare della velocità dell’autofocus. 

Il design della Sony RX100 VI

L’aspetto della Sony RX100 VI è quasi identico a quella del suo predecessore, con le stesse misure di  102x58x42,8mm, anche se è solo 1,8 mm più spessa per contenere lo zoom più lungo. E’ comunque molto più piccola rispetto ai modelli concorrenti: i Lumix TZ100 / ZS100 e Lumix TZ200 / ZS200 che misurano rispettivamente 110x64x44.3mm e 111x66x45.2mm, sebbene entrambi comprimano zoom più lunghi 10x e 15x. Nota bene che nessuna di queste fotocamere tascabili è resistente alle intemperie, sebbene siano disponibili custodie subacquee.

Il layout di controllo sarà familiare ai proprietari dei modelli precedenti: sulla parte superiore troviamo il quadrante delle modalità dedicato, l’otturatore con la levetta per lo zoom e il pulsante di accensione, mentre sul retro c’è una selezione di piccoli pulsanti a lato della rotella principale. Gli altri due scomparti sulla parte superiore sono il mirino elettronico e il flash pop-up, entrambi a scomparsa. 

Il mirino pop-up nell’angolo presenta un pannello OLED da 2,3 milioni di punti / XGA con ingrandimento 0,59x. Questo può fornire un’immagine più piccola rispetto alle fotocamere mirrorless più grandi, ma rimane incredibilmente utile per inquadrare in condizioni di luminosità. Dal momento che si tratta di un flash a scomparsa, non c’è spazio per un oculare che a sua volta significa che potrebbe essere necessario schermare la vista da riflessi di luce con la mano. Notare che i modelli Lumix TZ100 / ZS100 e TZ200 / ZS200 dispongono anche di mirini elettronici, ma che rimangono permanentemente visibili nell’angolo in alto a sinistra.

Il display di 3 pollici può inclinarsi di 180 gradi per inquadrare il soggetto per sfruttare composizioni particolari o per il vlogging; la parte inferiore dello schermo rimane bloccata dalla parte superiore del corpo, impedendoti di vedere le impostazioni, ma l’area di composizione è completamente visibile. Anche lo schermo si piega verso il basso, ma ora fino a 90 gradi, rendendo più facile inquadrare quando si scatta verso il basso. In un altro aggiornamento molto gradito: lo schermo diventa finalmente sensibile al tocco, consentendo di toccare per riposizionare l’area AF (possibile anche durante la composizione tramite il mirino) e toccare per mettere a fuoco durante il video. Purtroppo però, come altre recenti fotocamere Sony, non c’è molto altro da fare, quindi non possiamo ancora sfruttare questa funzionalità nei menù.

Sul lato destro della fotocamera, troverai due ingressi: Micro HDMI e Micro USB, entrambi con prese standard per poter utilizzare cavi standard. La fotocamera può essere caricata tramite USB con un power bank e, con una sola carica è possibile fare 200 foto e registrare fino a un’ora di video. 

In termini di connettività, la RX100 VI offre Wi-Fi con NFC e ora anche Bluetooth che consente connessioni più semplici e tagging della posizione senza soluzione di continuità tramite lo smartphone; funziona davvero bene nella pratica, anche se ora Sony ha rimosso le app scaricabili nella fotocamera stessa. Purtroppo non ci sono ancora input microfonici, né alcun mezzo per collegarlo in modalità wireless (forse via Bluetooth) o via USB. 

L’obiettivo della Sony RX100 VI

La grande novità di questo modello è il suo obiettivo, a partire dalla stessa lunghezza focale equivalente a 24 mm dei suoi predecessori, ma che ora si estende fino ai 200mm. Ciò conferisce alla Mark VI una portata decisamente maggiore rispetto a prima, rendendola molto più flessibile come fotocamera tascabile e portatile. 

La Sony è riuscita a d inserire questa nuova lente in un corpo che è solo 1,8 mm più spesso e pochi grammi più pesante della Mark V, anche se ci sono alcuni compromessi comprensibili come ad esempio la riduzione della massima apertura da f. 1,8-2,8 dei Marks III, IV e V, a f. 2,8-4,5 qui sul Mark VI.

Su RX100 VI, l’apertura più luminosa di f. 2.8 è disponibile solo alla minima lunghezza focale di 24 mm. A 25mm si riduce a f. 3.2, quindi a f. 3.5 a 30mm e a f. 4 a 40mm. La Mark VI mantiene in modo impressionante il rapporto focale tra i 40 e i 109mm dopo di che si riduce a f. 4.5 per il resto della gamma fino a 200mm. 

Alcuni stili di fotografia non richiedono un otturatore velocissimo o una grande luminosità, ma sono requisiti irrinunciabili nello sport e nella fotografia di strada, e in questo caso dovrai spingere la Mark VI verso ISO più alti. 

Un altro compromesso della gamma di zoom più lunga è la perdita del filtro Neutral Density incorporato. Gli ingegneri di Sony hanno affermato che fosse difficile da implementare su gamme di zoom più lunghe, motivo per cui la struttura è stata abbandonata quando la RX10 ha esteso la sua gamma sulle versioni Mark III e IV. L’assenza di un filtro ND su RX100 VI non incide troppo sugli fotografi diurni, specialmente considerando che l’apertura massima non è grande come prima e che hai ancora un’opzione che ti permette di spingere l’otturatore elettronico fino a 1/32000. Ma la sua assenza renderà più difficile la fotografia a lunga esposizione di edifici e paesaggi, costringendoti ad aspettare condizioni molto più deboli prima di poter utilizzare tempi di posa lunghi. Tuttavia, i videomaker potrebbero sentire la mancanza del filtro ND, essenziale per ottenere velocità dell’otturatore ottimali per il movimento durante le riprese in condizioni luminose con diaframmi più aperti. 

L’apertura più lenta a 24mm e la perdita del filtro ND rendono RX100 VI meno desiderabile per il vlogging rispetto al suo predecessore. Se Sony avesse equipaggiato il Mark VI con una sorta di soluzione per un microfono esterno, allora sarebbe stata una soluzione interessante, ma senza alcun aggiornamento a tale riguardo è meglio puntare sulla RX100 V per quanto riguarda il vlogging. 

Tuttavia, la qualità ottica è sorprendentemente buona per le dimensioni della fotocamera, specialmente nel segmento più lungo della gamma in cui molti concorrenti iniziano a soffrire di morbidezza e contrasto ridotto. Meglio ancora, l’obiettivo può sfruttare il sistema di autofocus a rilevamento di fase incorporato nel sensore per fornire prestazioni piuttosto sicure quando si riprende l’azione.

La messa a fuoco della Sony RX100 VIa

La RX100 VI condivide lo stesso sensore dell Mark V e come tale eredita il suo sistema di autofocus a rilevamento di fase che incorpora 315 punti su 65% del frame. Sony rimane l’unica azienda ad offrire una fotocamera con sensore da 1″ con autofocus a rilevamento di fase e offre davvero un vantaggio quando si tratta di seguire i soggetti in movimento o di rimettere a fuoco senza problemi durante i filmati. I vantaggi per il video erano già evidenti sulla Mark V, in particolare per vlog o recensioni di prodotti in cui si poteva semplicemente dimenticare l’autofocus, ma ora sulla Mark VI vengono anche sfruttati quando si riprende l’azione con l’obiettivo più lungo.

Come i modelli precedenti, ci sono molte opzioni per le aree di messa a fuoco tra cui Wide, Zone, Center, Spot flessibile e Expand Flexible Spot; La funzione AF bloccabile per il tracciamento è disponibile anche con Espansione flessibile. Finora simile alla Mark V, ma con un enorme upgrade, ora puoi regolare le singole posizioni dell’area AF toccandole tramite il touchscreen. Spostare in precedenza l’area AF era un processo complesso, ma ora non implica altro che un semplice tocco. È inoltre possibile utilizzare lo schermo come touchpad per regolare l’area AF durante la composizione tramite il mirino. Certo, il sistema potrebbe non essere così reattivo come i migliori sistemi touch in circolazione, e Sony continua a limitare inspiegabilmente il suo uso alla sola composizione, ma ora c’è finalmente un modo più semplice per spostare l’area AF.  

Se stai riprendendo soggetti umani, puoi renderti la vita facile implementando il rilevamento efficace di viso e occhi, quest’ultimo disponibile in modalità autofocus singola e continua, e ora funziona fino a due volte più velocemente della Mark V. 

Sony afferma che l’RX100 VI è in grado di scattare fino a 24 fps con messa a fuoco automatica continua per raffiche fino a 233 file JPEG fini.

Conclusioni

La Sony RX100 VI è uno dei super-zoom tascabili più potenti in circolazione, e una delle fotocamere da viaggio dalle prestazioni migliori. Prende il sensore da 20 Megapixel da 1″ dei suoi predecessori e lo migliora con una messa a fuoco più veloce, video 4K e scatto continuo ad alta velocità, accoppiandoli ad uno uno zoom 24-200mm molto più lungo.

L’obiettivo è sorprendentemente nitido su tutte le lunghezze: anche a 200 mm, dove la maggior parte dei rivali perde il contrasto e soffre di morbidezza negli angoli, la piccola Sony mantiene dettagli molto nitidi. Sicuramente la gamma RX100 VI non è lunga quanto la Lumix TZ200 / ZS200, ma l’obiettivo Sony vanta un’apertura più luminosa che consente di utilizzare ISO più bassi.

Nel frattempo, il sistema di messa a fuoco automatica a rilevamento di fase incorporato consente alla RX100 VI di tenere traccia agevolmente dei soggetti veloci, consentendo di catturare bambini, animali domestici, sport e fauna selvatica. Ancora una volta questa è un’altra area in cui molti concorrenti sono carenti. Funziona bene anche per regolazioni fluide durante le riprese.

Il video non ha subito grandi cambiamenti dalla Mark V, e ciò significa che puoi girare video di ottima qualità 4k a 24, 25 o 30p con un crop molto minore rispetto alla Lumix TZ200 / ZS200. Puoi anche impostare la modalità HFR (High Frame Rate), che ti permette di registrare video con un rallentamento fino a 40x con una compatta.

Fin qui tutto bene, ma la RX100 VI non è perfetta. La gamma di obiettivi più lunga vede la rimozione del filtro Neutral Density incorporato, e la diminuzione dell’apertura massima da f. 1.8 a f. 2.8. Questo a sua volta significa dover utilizzare un ISO più alti in condizioni di scarsa luminosità per ottenere la stessa velocità dell’otturatore. Significa anche che ci sono meno possibilità di ottenere effetti di profondità di campo poco profondi.

Inoltre, non si può prescindere dal prezzo che a 1.148 euro rende la Mark VI la primo RX100 a sfondare in quattro cifre, mettendola contro alcune alternative molto allettanti, anche se più grandi. Ma questo è il punto: quante fotocamere tascabili possono garantire uno zoom nitidamente nitido di 24-200mm con una grande messa a fuoco automatica in grado di catturare l’azione a 24fps, abbinata a video 4k di buona qualità, rallentatore a 1000fps, touchscreen e mirino popup? 

Questa è la proposta unica del VI RX100, ma è necessario investire un discreto budget. Tuttavia, considerando la svalutazione dei modelli precedenti, quindi attentamente quali caratteristiche ti occorrono; potresti trovare che i marchi 5, 4 o anche più vecchi potrebbero fare al caso tuo. 

Quanto é utile?
[Totale: 2 Media: 1]
Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close