Smartphone

OnePlus 6T: +249% di vendite solo negli Stati Uniti

Il dato rispetto allo stesso periodo del OnePlus 6

Il OnePlus 6T ottiene un risultato spettacolare negli Stati Uniti, grazie anche alla collaborazione con T-Mobile.

Le caratteristiche rispetto al OnePlus 6

Il OnePlus 6 è stato lanciato all’inizio del 2018. Il OnePlus 6T ha dalla sua la scocca più piccola e il sensore per le impronte digitali interno al display. Ha anche qualcosa in meno: si tratta del jack per le cuffie da 3,5 mm, che non si trova nella versione 6T.

Alcuni avevano pensato che qualche miglioramento tecnico di poco conto e questa “assenza” per gli utenti avrebbe causato un disastro totale per il OnePlus. Invece no. Oggi, infatti, è arrivata la notizia ufficiale che il OnePlus 6T ha superato in termini di vendite il suo predecessore del 249%.

Una cifra esorbitante, che significa milioni di pezzi venduti e a soli 6 mesi di distanza. In più, negli Stati Uniti, OnePlus non è ovviamente l’unica azienda che vende smartphone Android. Il mercato americano è considerato molto competitivo, se non il più competitivo al mondo: quindi, il risultato è ancora più interessante. Come è stato possibile?

La collaborazione con T-Mobile

La collaborazione con grandi marchi, sia nella distribuzione sia con le edizioni limitate, secondo molti esperti è la vera causa del successo di questo smartphone. Infatti, i cambiamenti tra una versione e l’altra sembrano essere pochi per poter far pensare a qualcosa di diverso per gli utenti, tanto da spingere all’acquisto.

D’altra parte, è un po’ difficile che chi ha preso un OnePlus 6 sei mesi dopo abbia preso il 6T. Più probabile che il nuovo dispositivo, per prezzo e reperibilità, oltre che per caratteristiche, abbia convinto chi aveva il dispositivo di un altro marchio (o con un altro sistema operativo addirittura!).

Infatti, in questa vendita, T-Mobile è stato il vettore principale. Essendo americano, non ha avuto quei problemi che, invece, marchi cinesi al 100%, come Huawei o Xiaomi, hanno avuto nell’ultimo periodo, per via delle politiche di Trump.

Usando un vettore americano, le forniture sono stati veloci e non ci sono stati rallentamenti alla dogana. Questo, accanto al fatto che si tratta di un dispositivo di tutto rispetto per caratteristiche tecniche, ha fatto sì che il dispositivo fosse letteralmente “fatto fuori” nei negozi americani e nei siti di settore.

Altro vantaggio del vettore è la possibilità di pagare a rate. Quindi, gli americani potevano decidere di avere subito lo smartphone a un prezzo inferiore ai 550 dollari per avere poi la possibilità di pagarlo in due anni.

Nessuno, nemmeno OnePlus, si aspettava un risultato del genere, soprattutto prima del Natale: infatti, le vendite di fine Dicembre non si possono ancora calcolare, quindi i numeri potrebbero aumentare. Il regalo perfetto per gli amanti degli smartphone Android? Per dirlo è ancora troppo presto.

Conclusione

L’assalto alla diligenza era quasi scontato per il OnePlus 6T. Ottima memoria (espandibile), ottimo rapporto qualità/prezzo e il vettore giusto hanno fatto sì che il dispositivo spopolasse negli Stati Uniti. L’azienda non ha fornito il numero di dispositivi venduti, ma ha dato questa percentuale di differenza tra il 6 e il 6T, quindi è un numero in milioni che si può facilmente calcolare.

Il dispositivo è uno dei pochi cinesi a essere popolarissimo fin da subito negli Stati Uniti. La concorrenza è stata sorpresa al volo dalla notizia di oggi e ora dovrà correre ai ripari con smartphone Android con le stesse funzionalità allo stesso prezzo, anche se il consiglio è quello di fare sempre di meglio.

Cosa ne pensi del nuovo OnePlus 6T e delle sue caratteristiche? Pensi che questo successo ci sarà anche in Italia? Raccontaci la tua opinione qui su Lupokkio.it, via commento! Ti terremo aggiornato sulle ultime novità di questo e di altri smartphone in tempo reale!

Foto: AndroidPolice

Quanto é utile?
[Totale: 0 Media: 0]
Tags

Annarita

Copywriter freelance, scrive di tecnologia da parecchio tempo. Adora il mondo Android, open source e open fun!

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi Anche

Close
Close