Notizie

AGCM contro l’obsolescenza programmata

Apple e Samsung multati dal Garante italiano

Quante volte abbiamo visto il nostro smartphone spegnersi senza un motivo? Oppure vi è mai capitato che in seguito ad un aggiornamento il vostro telefono funzionasse in modo difettoso o comunque rallentasse le sue prestazioni? Che si tratti di Apple o che si tratti di Samsung sicuramente ad ognuno di voi sarà successo almeno una volta. E non siete gli unici ad essersene accorti.

Infatti, per la prima volta nel mondo c’è stata una pronuncia in materia di obsolescenza programmata e questa pronuncia proviene proprio dalla nostra Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. In attesa della pronuncia che a breve sarà pubblicata dell’authority francese, andiamo a vedere che cosa è stato detto dal Garante e quali sono le non troppo salate sanzioni che sono state inflitte.

Apple e Samsung sono state multate rispettivamente per 10 e 5 milioni di euro dall’AGCM per aver imposto ai propri utenti degli aggiornamenti che non potevano essere supportati dai dispositivi sui quali venivano installati determinandone un rallentamento e costringendo chi voleva migliori prestazioni ad acquistare un nuovo dispositivo. Nella pronuncia non si parla espressamente di obsolescenza programmata ma come definire diversamente questo fenomeno?

AGCM contro l'obsolescenza programmata

In particolare nel caso della Samsung il fenomeno si è verificato con lo smartphone Note 4. E’ stato infatti insistentemente proposto un aggiornamento previsto per il nuovo Note 7 che una volta installato sul dispositivo meno recente ha determinato notevoli rallentamenti e problemi al sistema operativo. Tutto questo senza che l’utente fosse previamente informato nonché senza la possibilità di ripristinare il sistema operativo precedente.

Stessa cosa è avvenuta con Apple e gli aggiornamenti di iPhone 7 installati sulle versioni i iPhone 6\6Plus e 6s\6s Plus. La sanzione riguarda anche la mancata informazione ai clienti circa la durata delle batterie al litio utilizzate.

Le sanzioni previste sono di 10 milioni per Apple e la metà per Samsung. Si tratta certo di cifre di poco conto per i due colossi. Ma è sicuramente una dichiarazione di guerra alla obsolescenza programmata.

Foto il Salvagente

Quanto é utile?
[Totale: 0 Media: 0]

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close