ComputerNotizieTecnologia

Ardor, guida completa alla criptovaluta di Nxt

Che cos'è e come acquistare Ardor per iniziare a investire

Se si vuole iniziare a investire nel mondo delle criptovalute, la piattaforma Ardor potrebbe essere una scelta interessante. Infatti, nata come evoluzione di una piattaforma esistente, Ardor è considerata modello avanzato di piattaforma open source.

Tra i suoi punti di forza c’è l’infrastruttura NXT, molto conosciuta ed estremamente affidabile perché si è diffusa in tutto il mondo negli ultimi quattro anni e la programmazione con Java, uno dei framework più popolari che consente di sviluppare app commerciali in modo semplice e veloce.

Ecco perché abbiamo pensato a una guida completa sulla piattaforma Ardor pensata per chi desidera investire su questa piattaforma, anche se è alle prime armi.

Che cos’è Ardor e come funziona

Ardor è una piattaforma ideata da Jelurida, ideatrice della piattaforma Nxt e fa della scalabilità e versatilità alcuni dei suoi punti di forza. Ardor è una piattaforma che consente agli utenti di poter interagire, senza dover abbandonare l’ambiente.

Inoltre, Ardor permette di risolvere il problema legato all’immagazzinamento di dati non essenziali nella blockchain. Questo è reso possibile dall’utilizzo di due diversi token: uno legato alle transazioni e il secondo, invece, collegato alla gestione dei dati sensibili.

D’altronde, la piattaforma Ardor rappresenta un’evoluzione migliorativa della tecnologia Nxt che già fungeva da di supporto a banche, aziende, startup e imprese.

Il funzionamento di Ardor si basa sull’utilizzo di due catene principali: la catena madre e le catene figlie che, ovviamente, dipendono dalle prime. La catena madre assicura il corretto funzionamento delle catene sottostanti e gestisce le transazioni e lo scambio dei token ARDR, riducendo il salvataggio di informazioni inutili.

In realtà, la novità principale di Ardor è la possibilità per le aziende e gli imprenditori di creare la propria catena figlia, completamente indipendente, ma collegata all’intero sistema.

L’algoritmo di consenso utilizzato da Ardor è di tipo Proof-of-Stake, una soluzione condivisa anche da Ethereum che permette di superare i problemi di dispendio energetico.

I pro e i contro

Se si vuole iniziare a investire su Ardor, è bene sapere che questa piattaforma sviluppata da Jelurida, compagnia che vanta una lunga esperienza nel settore, è affidabile e sicura. Inoltre, è progettata per ridurre lo spreco dei dati e il suo impatto sull’ambiente.

La piattaforma Ardor, seppur non offre valori molto elevati, è tuttavia molto adatta al lancio di ICO essendo maggiormente accessibile rispetto a Ethereum.

Non bisogna dimenticare che Ignis, la prima catena di questa criptovaluta, è di nuova generazione offrendo un sistema altamente innovativo dal punto di vista della scalabilità e versatilità.

ARDR è alla 64esima posizione nella classifica delle criptovalute, con un prezzo di 0,30 euro e una capitalizzazione di mercato di circa 254 milioni. Il suo valore è piuttosto stabile, inoltre ha registrato una crescita del 300% nel 2021, per cui puntare su questa criptovaluta è sicuramente un buon investimento.

Dove comprare Ardor

Se ti stai chiedendo dove comprare Ardor, sappi che si tratta di una procedura piuttosto semplice: la soluzione più conveniente è acquistare Bitcoin su Coinbase, per poi scambiarli con ARDR sul sito Changelly. La piattaforma di exchange fornirà tutte le istruzioni. A questo punto, si potrà conservare gli ARDR nel portafoglio ufficiale, crearne di nuovi e effettuare altre transazioni con la ciriptovaluta.

Quanto é utile?
[Totale: 1 Media: 5]
Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close