Fotocamere

Nikon Z6: la mirrorless con meno risoluzione ma maggiori prestazioni

Il design di entrambe le fotocamere è quasi identico, con lo stesso schema di controllo e dimensioni simili. Come la Z7, la Z6 non ha abbastanza spazio per i controlli fisici come una Nikon DSLR, ma per la maggior parte, la fotocamera è una facile transizione per gli utenti Nikon esistenti.

Come le reflex digitali full-frame di Nikon e le APS-C di fascia più alta, la parte superiore della Z6 ha uno schermo secondario che mostra le informazioni di ripresa base. Le dimensioni dello schermo non sono grandi come le reflex digitali, ma mostrano le impostazioni di esposizione, la durata della batteria, lo spazio rimanente sulla scheda XQD e altre informazioni importanti. Vicino a questo schermo secondario c’è una serie di controlli familiari a chiunque abbia utilizzato una DSLR Nikon: due rotelle di controllo e un pulsante di scatto con un interruttore di accensione / spegnimento.

C’è un pulsante di registrazione dedicato ai video vicino al pulsante di scatto, oltre a un pulsante ISO. All’altra estremità della fotocamera c’è un quadrante di modalità, che può sembrare un po’ fuori luogo per chiunque abbia familiarità con le reflex digitali Nikon a livello professionale, ma si trova anche sulla Z7.

Il retro della fotocamera è in gran parte occupato da un touchscreen inclinabile. Sebbene sia presente una quantità decente di controlli fisici, il touchscreen si è comunque dimostrato utile per l’impostazione del punto AF, scorrendo le immagini e scegliendo le opzioni dal menu rapido. Una serie di pulsanti, per le impostazioni di base e le funzioni di navigazione, sono posizionati sopra e sulla destra dello schermo. Come i modelli D850 e Z7, lo Z6 ha un joystick per spostare il punto di messa a fuoco.

Due pulsanti personalizzabili si trovano nella parte anteriore della fotocamera vicino al supporto dell’obiettivo. 

Una delle parti migliori della Z6 è il mirino elettronico da 3,69 milioni di punti. A differenza di un OVF, l’EVF mostra un’anteprima accurata dell’immagine, inclusi l’esposizione e il bilanciamento del bianco. Il display nella parte inferiore dell’EVF può anche essere personalizzato, ad esempio aggiungendo il focus peaking e il profilo colore selezionato, incluso il bianco e nero. I moderni EVF, come gli Z6, non soffrono nemmeno di lag o rumore come gli EVF di un tempo.

Lo Z6 è simile per dimensioni e peso allo Z7, ma la presa sostanziale sembra molto simile a una reflex digitale e la sporgenza del mirino elettronico rende la fotocamera un po’ più grande. Lo Z6 occupa meno spazio nella borsa della fotocamera rispetto a una reflex digitale full-frame entry-level, come la D610.

Nikon dice che la Z6 ha lo stesso livello di tenuta del tempo dello Z7, il che significa che è estremamente resistente a urti e intemperie.

Nikon stima che la batteria Z6 possa durare fino a 300 scatti ma, utilizzando esclusivamente il mirino, si può anche doppiare. 

La Z6 utilizza un sistema di messa a fuoco automatica a 273 punti, contro 493 nella Z7. In realtà, non è meno preciso della Z6, ma può avere difficoltà a mettere a fuoco in condizioni di scarsa luminosità. All’interno delle varie modalità di messa a fuoco automatica della Z6, la fotocamera può selezionare automaticamente i volti se presenti nel fotogramma e fa un buon lavoro nel rilevarli. La messa a fuoco automatica dello Z6 non è del tutto perfetta, ma mostra un miglioramento significativo dall’autofocus del Live View su Nikon DSLR, che tende ad essere un po’ lento e goffo. Forse è per questo che Nikon ha atteso così tanto tempo per progettare una fotocamera mirrorless di livello professionale, per prendersi il tempo necessario per progettare l’autofocus giusto.

Per la maggior parte dei fotografi, lo Z6 offre prestazioni eccellenti che dovrebbero essere più che adeguate. I tipi di ripresa più complessi, principalmente l’azione rapida e le situazioni con scarsa illuminazione, sono un po’ più difficili da gestire per la fotocamera.

Rispetto alla Z7, la Z6 ha un sensore più piccolo di 24,5 MP. Meno megapixel sul sensore significa pixel più grandi, che aiutano a raccogliere più luce e creano meno rumore ad alti ISO. Lo Z6 ha un range ISO nativo più alto rispetto allo Z7, arrivando fino a 51.200 (la gamma nativa dello Z7 supera a 25.600). 

Lo Z6 offre anche colori impressionanti che si adattano perfettamente alla scena, con tonalità della pelle eccezionali.

Nikon dice che la minore distanza della flangia del nuovo attacco Z rende più facile la progettazione di obiettivi più nitidi. Lo Z6 non ha lo stesso livello di dettaglio offerto dal più costoso Z7, ma le foto sono ancora eccellenti, considerando il prezzo e le specifiche. Gli obiettivi nativi con attacco Z sembrano offrire una maggiore nitidezza, mentre gli obiettivi DSLR montati utilizzando un adattatore non sembrano presentare alcuna perdita di qualità.

La Nikon Z7 potrebbe essere la fotocamera con la migliore risoluzione, ma la Z6 è la fotocamera con le migliori prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione. Inoltre, offre una maggiore velocità a un prezzo più basso. La qualità dell’immagine è molto buona, il design è robusto e confortevole e le prestazioni sono reattive. L’autofocus non è all’altezza delle DSLR di fascia alta negli scenari più difficili, ma è persino migliore della Z7 in condizioni di scarsa illuminazione.

Come l’opzione più economica, la Z6 potrebbe facilmente essere una fotocamera eccellente per gli appassionati così come per i professionisti che privilegiano la velocità e le prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione rispetto alla risoluzione. L’autofocus funziona un po’ meglio in condizioni di scarsa illuminazione, mentre la risoluzione più bassa consente meno rumore e una gamma ISO nativa più ampia.

Lo Z6 è attualmente disponibile per il pre-ordine e inizierà la spedizione il 16 novembre.

Quanto é utile?
[Totale: 1 Media: 2]
Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close