Tecnologia

Strategia link building: cos’è e come si applica

Strategia link buildingLa strategia link building è la tecnica più efficace per migliorare il posizionamento SEO sui motori di ricerca e aumentare la visibilità di un sito web.

Il link building consiste nell’aumentare il numero di siti internet che rimandano, tramite link mirati, al sito che si desidera far crescere.

Per mettere in piedi una strategia che funzioni davvero, è fondamentale sapere quali sono gli aspetti presi in esame dall‘algoritmo di Google. Alcune tecniche che agli albori di internet apportavano benefici alla visibilità dei siti web sui motori di ricerca, oggi vengono infatti pesantemente penalizzate.

I non addetti ai lavori potrebbero credere che sia sufficiente condividere link ovunque, dai social network ai commenti sui blog, per aumentare il ranking del proprio sito web in SERP. Al contrario, alcune delle tecniche di più facile e di immediata applicazione, valutate come spam da Google, possono danneggiare la visibilità del sito.

Per non commettere errori, la scelta migliore consiste nell’affidarsi a Lumen.Farm, una piattaforma di marketing gestita da professionisti del settore.

Di seguito, scopriremo come impostare una campagna di link building di sicuro effetto.

Strategia link building: fattori positivi e azioni negative

Per funzionare davvero, una campagna di link building deve:

  • puntare alla qualità e, solo in un secondo momento, alla quantità;
  • affidarsi a tecniche non penalizzate da Google e dagli altri motori di ricerca;
  • accrescere il valore e la SEO Authority del sito.

È necessario possedere molte competenze e analizzare un elevato numero di fattori per creare una campagna efficace. Per questo motivo, fare tutto da soli non è consigliabile.

Per prima cosa, è necessario sapere come fa Google a decidere se premiare o meno il nostro sito in base ai link in entrata. I crawler che setacciano la rete, analizzano anche tutti i link che incontrano e assegnano ad essi un valore. Quest’ultimo incide sia sui siti linkati, sia su quelli che contengono il link.

Più il link è considerato di valore, migliore sarà la valutazione del motore di ricerca, il quale premierà la nostra strategia link building e ci farà salire nella SERP.

Fattori che premiano il sito

Non tutti i parametri presi in considerazione dall’algoritmo di Google sono conosciuti, ma tra quelli noti i più importanti sono:

  • contesto e contenuto entro cui viene posizionato il link, il quale dev’essere inserito all’interno di un articolo di qualità, SEO oriented, ben scritto e ben strutturato, interessante per gli utenti del sito e soprattutto in tema con la pagina a cui il backlink rimanda;
  • l’ancora, ossia la parola o la frase che funge da link, la quale deve essere attinente al tema trattato nella pagina linkata. In più, quando possibile, dovrebbe essere costituita da una parola chiave;
  • l’ALT tag delle immagini che funzionano da backlink, il quale dev’essere chiaro e collegato al contenuto della pagina a cui rimanda;
  • l’età del sito che contiene il backlink: più il sito è vecchio, maggiore sarà il valore assegnato al link;
  • la web reputation e la SEO Authority del sito ospitante, le quali devono naturalmente essere molto buone.

Azioni penalizzanti

Come abbiamo detto in precedenza, alcune azioni, in passato ottime per aiutare il posizionamento dei siti web, vengono oggi penalizzate, anche pesantemente, da Google.

Si tratta per lo più di trucchi e sotterfugi che venivano applicati per velocizzare la salita in SERP, ma che ora l’algoritmo smaschera senza troppe difficoltà.

Eccone alcuni:

  • scambio link: quando Google si accorge che due siti si linkano a vicenda, non tiene conto dei link o, nel caso peggiore, li penalizza;
  • link inseriti nelle firme all’interno dei forum;
  • link nei commenti: questa pratica è sconsigliata in quanto può essere segnalata come spam;
  • uso di siti esteri che vendono backlink, siti di article marketing e web directory: sono tutte pratiche sconsigliate e desuete.

Strategia link building con Lumen.Farm

Per essere certi di applicare una strategia vincente, è meglio evitare improvvisazioni e rivolgersi a esperti che, letteralmente, sappiano dove mettere le mani.

Lumen.Farm è la scelta ideale: piattaforma facilissima da utilizzare, permette di pubblicare backlink su testate giornalistiche, Google News e blog di sicura qualità. Tutti i siti proposti, selezionati con cura, hanno un’ottima web reputation e una SEO authority elevata.

I professionisti che lavorano per la piattaforma si occupano della redazione degli articoli in chiave SEO, ben scritti e in tema con la pagina che si desidera linkare, e della loro pubblicazione sulle testate e sui blog scelti.

Trattandosi di una delle piattaforme di marketing più complete, mette a disposizione, oltre alla link building, anche campagne di Telemarketing, Influencer Marketing e Ads.

Iniziare una campagna con Lumen.Farm

L’iscrizione alla piattaforma è gratuita, quindi, se si desidera conoscere i servizi offerti, ci si potrà registrare per visitare il pannello di controllo e scoprire tutte le offerte.

Per far partire una campagna di link building, bisogna accedere alla pagina “Articoli SEO”.

Qui si potrà stabilire la propria strategia, scegliendo innanzitutto se far comparire l’articolo su una testata giornalistica o su un blog. Sarà quindi possibile scegliere uno dei siti presenti nel database della piattaforma in base alle proprie esigenze e al budget disponibile.

Si dovrà quindi procedere scrivendo nell’apposita casella di testo l’indirizzo della pagina da linkare e le parole chiave pertinenti. In aggiunta, si potrà caricare del materiale utile per la redazione dell’articolo.

Valutare l’efficacia dei backlink

Come ogni campagna di marketing, anche quella del link building va monitorata costantemente dopo il lancio. Certo, se si è scelto di affidarsi a dei professionisti come quelli di Lumen.Farm si potranno dormire sonni tranquilli, ma è comunque buona regola controllare l’andamento del sito.

Per valutare l’efficacia di questo tipo di tattica SEO, è sufficiente controllare il posizionamento del sito nei motori di ricerca: se sta acquistando lentamente posizioni, abbiamo scelto la strategia giusta; in caso contrario, dovremo riadattare il tiro.

Oltre alla posizione, possiamo anche controllare quali siti contengono link al nostro, così da assicurarci che siano tutti affidabili e non penalizzanti.

Farlo è semplicissimo: basta accedere al pannello di controllo di Google Search Console e selezionare “Link” dal menu. Nella nuova pagina, alla voce “Siti con link principali”, troveremo l’elenco di tutti i siti web che contengono link che rimandano al nostro.

In alternativa, si potranno sfruttare anche altri due ottimi strumenti SEO: Semrush e SEOZoom.

Quanto é utile?
[Totale: 1 Media: 5]

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close