Fotocamere

Nikon Nikkor Z 35mm f / 1,8 S

Nikon ha recentemente lanciato la sua prima fotocamera mirrorless full-frame, e con essa una manciata di obiettivi nativi. 

Il Nikkor Z 35mm f / 1,8 S ($ 849,95) è il primo obiettivo lanciato per la serie, e c’è un 50mm f / 1.8 in arrivo il prossimo mese. Se sei un fan dell’angolo di campo di 35mm, sii felice di sapere che è una buona soluzione. Cattura immagini nitide, sfoggia un’apertura brillante perfetta per una profondità di campo ridotta e una scarsa illuminazione, ed è sigillato per evitare che polvere e umidità entrino nella tua fotocamera. È un obiettivo eccellente, anche se il prezzo è un tantino alto, e una buona soluzione per gli acquirenti Z che vogliono un fisso 35mm.

Leggero e luminoso

Il Nikkor 35mm Z è la classica lente nera realizzata con un mix di metallo e policarbonato. L’unico segno distintivo è il logo Nikkor S lucido sul lato della baionetta.

Il 35mm si bilancia bene sul corpo Z 7, essendo abbastanza leggero e compatto. Viene fornito con i copriobiettivo anteriori e posteriori standard, un paraluce reversibile e una custodia morbida. L’elemento frontale supporta la dimensione del filtro da 62 mm.

Le guarnizioni interne proteggono l’obiettivo e la fotocamera da polvere e umidità. La Z 7 è una delle telecamere più sigillate del momento. Entrambi gli elementi anteriore e posteriore sono rivestiti con fluoro, che respinge olio e acqua. Vuol dire che le gocce di pioggia scivoleranno via dal bordino, e potrai cancellare rapidamente un’impronta digitale con un panno in microfibra.

C’è un singolo interruttore di controllo sul lato, contrassegnato A / M. Passa dalla messa a fuoco automatica a quella manuale. L’anello di messa a fuoco manuale è grande, tanto che occupa una buona metà della canna. Ha una finitura di plastica con nervature in modo da poter ottenere una presa migliore. 

Oltre alla messa a fuoco manuale, è possibile impostare l’anello di controllo per eseguire un’altra funzione quando è attivata la messa a fuoco automatica. Attualmente, Z 7 supporta solo il controllo EV e F-stop tramite l’anello. Ma c’è un problema: mentre è facile apportare piccole regolazioni alla messa a fuoco, anche una piccola rotazione dell’anello può apporre cambiamenti estremi alla compensazione EV o all’impostazione del diaframma. Fino a quando Nikon non risolve il problema di sensibilità tramite il firmware, è meglio disattivare la funzione dell’anello di controllo.

La distanza minima di messa a fuoco è di circa 54 cm. Non è affatto una macro – nella migliore delle ipotesi ingrandisce gli oggetti a grandezza naturale 1: 5.3. Ti consente comunque di avvicinarti, ma non di catturare i piccoli dettagli di un fiore. Nikon non ha ancora rilasciato un macro fisso per il sistema Z, però questa lente è compatibile con obiettivi SLR Micro-Nikkor che utilizzano l’adattatore FTZ.

L’obiettivo non ha la stabilizzazione ottica, ma le fotocamere con cui funziona, lo Z 7 e lo Z 6, ne sono dotate

Foto impeccabili

L’obiettivo dà il suo meglio, in termini di nitidezza e distorsione, con la chiusura a f. 5.6

Il sistema Z aggiunge correzioni automatiche dell’obiettivo ai suoi file Raw, simile a quello che le fotocamere hanno fatto per anni con i JPG. Adobe Lightroom Classic li applica alle immagini e non consente di disattivarle. Le correzioni compensano distorsione, vignettatura, sfrangiatura dei colori e altri effetti che possono sminuire le foto.

Se si utilizza un convertitore Rawoppure riprendi in JPG e disabilita la correzione all’interno della fotocamera, il 35mm mostra una distorsione a barile dell’1,9%. Ma se non giochi con le impostazioni e se usi i prodotti Adobe per elaborare le immagini Raw, non vedrai alcuna distorsione a barilotto nelle foto.

Il 35mm proietta una vignettatura piuttosto pesante agli angoli quando viene scattata a diaframmi più ampi. Con il Controllo vignettatura dello Z 7 impostato sull’impostazione Normale predefinita, vediamo un calo di -3EV agli angoli a f / 1,8, -2,6 EV a f / 2 e -1,1 EV a f / 2,8. A più sto minori la vignettatura non è più evidente. Questo dà alle foto un po’ di cornice naturale, un plus per i ritratti, ma puoi sempre eliminarla in postproduzione. Per la paesaggistica lavorerai con un’apertura più piccola e godrai di un’illuminazione costante da un angolo all’altro.

Se stai lavorando con immagini Raw in software diversi, ricorda che la vignettatura è più pesante. Con la correzione disattivata l’obiettivo mostra -4,3EV agli angoli af / 1.8. Si riduce man mano che ci si ferma: c’è -3.8 EV a f / 2, -2.3 EV a f / 2.8, e circa -1.3 EV a f / 4 e stop di dimensioni inferiori.  

Una lente professionale

Si tratta di un obiettivo che ha il potenziale per essere un must per i fotografi del sistema Z che amano l’occhiata grandangolare moderata fornita da un 35mm. Al momento, altre opzioni di obiettivi fissi sono poche e lontane. La tua unica vera alternativa è usare un obiettivo SLR con innesto F tramite l’adattatore FTZ, che consiglio se ti interessa una lunghezza focale diversa o un 35mm con un diaframma più luminoso ( es. f / 1.4) o per risparmiare soldi usando i tuoi obiettivi esistenti. 

Se si preferisce un angolo di campo più stretto, il Z 50mm f / 1.8 è meno costoso e sarà disponibile a breve. I fan del grandangolo dovrebbero sapere che c’è un 20mm f / 1.8 in programma per il prossimo anno e un 24mm f / 1.8 per il 2020, ma i dettagli aggiuntivi non sono disponibili.

Quanto é utile?
[Totale: 0 Media: 0]
Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close