Facebook

Nuova funzione di Facebook contro le molestie

La nuova funzione permetterà di evitare commenti pericolosi

La nuova funzione di Facebook contro le molestie permetterà agli utenti di evitare commenti molesti contro cose e persone: ecco come funzionerà.

Cosa si potrà fare

Il social network riceve spesso delle segnalazioni per molestie o per insulti, o ancora per odio. Per evitare tutto questo, Facebook ha fatto poco. Puoi segnalare, ma poi devi aspettare cosa dice l’assistenza. Se il centro assistenza dice che il problema non c’è, non c’è e non hai modo di replicare.

Tra poco, però, le cose potrebbero cambiare, grazie alla nuova funzione di Facebook contro le molestie. Al momento, la nuova funzione è in via di sperimentazione.

Come si sa, nelle impostazioni del tuo profilo ti permettono di scegliere la privacy. Tra queste voci, presto ci sarà una su Facebook contro le molestie. Potrai decidere se non mostrare commenti che hanno una certa parola all’interno.

Per esempio, usando questa funzione, se ci sarà un insulto, potrai indicare l’insulto su questa impostazione del profilo. Così, se qualcuno la usa in un commento contro di te, i tuoi amici non vedranno quel commento.

Cosa verrà mostrato agli altri utenti

Il commento, però, non viene bloccato e cancellato. Perché? Perché il commento resta sul profilo della persona che ha scritto l’insulto. Quindi, i suoi amici possono vederlo. E questa sarebbe la funzione di Facebook contro le molestie? Sì.

Infatti, mostrando il commento a chi l’ha scritto e ai suoi amici, Facebook evita ritorsioni. Basta pensarci un attimo. Se qualcuno ti insulta e tu cancelli il commento e blocchi quella persona, cosa succede? Succede che quella persona “sfoga” sul proprio profilo, magari con un bello screenshot, senza che tu sappia nulla perché hai bloccato quel profilo.

Oggi, invece, con la funzione di Facebook contro le molestie, chi ha insultato è convinto di non essere stato cancellato. Anche i suoi amici vedono il commento negativo e possono dirgli qualcosa. Così, non ci sono ritorsioni per l’utente al quale è riferito il commento.

Poi, la persona che insulta si può sempre bloccare. Questa, però, è un’altra funzione.

Quando arriverà la nuova funzione

La novità è in via di sperimentazione negli Stati Uniti. La notizia è stata data su Twitter da Jane Manchun Wong, che si occupa di leak da Hong Kong. Non si tratta del primo leak per questo account. Infatti, posta spesso in anteprima notizie su Facebook, Google e social network, soprattuttoper quanto riguarda le nuove funzioni.

La notizia è arrivata anche ad Android Police e sulle maggiori testate italiane di settore. Come sempre, Facebook fa prima un test A/B, di solito negli Stati Uniti, poi arriva in tutto il Paese, infine l’iniziativa arriva in Europa e in Italia.

Nonostante tutti i passaggi, i tempi per le novità che funzionano sono di solito molto stretti. Se la cosa funzionerà, arriverà subito dopo Natale anche da noi, quindi non ci sarà da attendere più del 2019.

Facebook contro le molestie

La funzione non è solo una novità, ma una novità che arriva al momento giusto. Infatti, Facebook deve rinnovare la propria immagine, ma è stata sempre a favore di iniziative come il #MeToo.

Ora, Facebook ha modo di dimostrare di voler rinnovare la fiducia tra social e utente. Aiutando tutti gli utenti a creare un ambiente più sereno sul sito, anche con queste nuove funzionalità, si rinnova e si cerca di chiudere l’emorragia di utenti degli ultimi mesi. Basterà?

Sicuramente, si tratta di una bella funzione, che speriamo di vedere prestissimo anche da noi e che sta facendo il giro del mondo. Non resta che attendere l’arrivo in Italia (probabilmente, già dal prossimo aggiornamento). Cosa ne pensi di questa novità?

Foto: AndroidPolice

Quanto é utile?
[Totale: 0 Media: 0]
Tags

Annarita

Copywriter freelance, scrive di tecnologia da parecchio tempo. Adora il mondo Android, open source e open fun!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close