Notizie

Andy Rubin progetta un nuovo smartphone intelligente

Il creatore di Android al lavoro dopo il flop di Essential

Il creatore di Android, Andy Rubin, sta ideando uno smartphone particolare per ridurre la dipendenza dal touch screen. Andy Rubin è stato il creatore di Essential Phone che però non ha avuto il successo desiderato.

Il  nuovo prodotto del creatore di Android utilizzerebbe l’intelligenza artificiale per interpretare i comportamenti del proprietario dello smartphone e diventare un dispositivo virtuale in grado di gestire autonomamente tutte le applicazioni.

Oggi siamo tutti dipendenti dalla tecnologia degli smartphone e sembra che non possiamo più fare a meno di controllare in ogni momento lo schermo del nostro dispositivo. Con il nuovo smartphone ideato da Andy Rubin questo non succederà più.

L’obiettivo di queste ricerche è far risparmiare energie e tempo facendo in modo che sia il dispositivo a gestire conversazioni, le chiamate e tutte le altre funzionalità sulla base delle abitudini del proprietario dello smartphone che vengono studiate dal sistema di intelligenza artificiale.

Antony Rubin progetta un nuovo smartphone intelligente

La capacità del dispositivo di acquisire le informazioni utili per la gestione dello smartphone migliorerà con il passare del tempo fino a raggiungere un alto livello di perfezionamento. Il proprietario del dispositivo non deve far altro che fidarsi del sistema di intelligenza artificiale.

Si tratterà di uno smartphone dalle dimensioni ridotte e sarà gestito esclusivamente attraverso comandi vocali. Il dispositivo avrebbe un sistema intelligente molto simile a quello di Google Duplex, capace di telefonare in modo autonomo. Questa nuova versione di Essential dovrebbe sviluppare una intelligenza artificiale molto più avanzata di quella utilizzata oggi in Google Duplex.

Questo ci fa intuire che per l’arrivo del nuovo prodotto di Andy Rubin dovremo aspettare ancora un po’ di tempo. Inoltre, anche lo scarso successo che ha avuto Essential non ci dà molte certezze. Attendiamo ulteriori notizie per avere nuovi dettagli su questa vicenda, nella speranza di poterci affidare ai nuovi sistemi di intelligenza artificiale.

Foto eWeek

Quanto é utile?
[Totale: 0 Media: 0]

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close