Notizie

Igino Accordini: tutta la verità sul suo Amarone della Valpolicella

L'Amarone Igino Accordini uno dei migliori vini d’Italia

Difficile non aver sentito mai parlare dell’Amarone Igino Accordini, ritenuti da molti uno dei migliori vini d’Italia e conosciuto anche solo da chi, ogni tanto, ama sorseggiare qualche bicchiere di buon vino.

L’Amarone Igino Accordini è il prodotto di punta dell’Igino Accordini Winery, un’azienda a conduzione familiare che, fin dal 1821, si dedica alla produzione e all’esportazione dei vini del territorio della Valpolicella a livello internazionale.

Questo incredibile viaggio, iniziato con la personale passione di Igino Accordini per la sua terra, si concretizza oggi in una produzione vitinivicola considerata top in tutto il Mondo.

La storia di Igino Accordini

L’azienda Igino Accordini porta il nome del suo fondatore. Fu proprio Igino, padre di Guido Accordini, oggi a capo dell’impresa insieme a sua moglie, a dar vita a quella che sarebbe diventata una solida azienda, fiore all’occhiello del Made in Italy, ricercata da tantissimi amanti del buon bere in Mondo.

Igino Accordini era nato in una famiglia di mezzadri che, da oltre cinque generazioni lavoravano la terra e allevavano animali nei territori della Valpolicella. Dopo la seconda Guerra Mondiale la sua passione per quella zona fu ancora più forte. L’idea iniziale di Igino Accordini era quella di portare avanti una produzione vinicola destinata ad utilizzo esclusivo della famiglia, ma negli anni, da una piccola realtà famigliare, l’azienda si ingrandì diventando uno dei brand più famosi a livello mondiale.

L’Igino Accordini Winery di oggi, guidata dal figlio di Igino Accordini, si estende su un terreno di oltre 35 ettari di terreni. All’inizio, invece, erano solo 3 gli ettari che Igino Accordini aveva a disposizione per la sua attività.

Negli anni, Guido Accordini insieme alla moglie è riuscito a realizzare una cantina a porte aperte, diventata un posto da visitare assolutamente per ogni bevitore di vino, dove è possibile non solo sorseggiare i vini dell’azienda, ma anche soddisfare il palato con deliziose pietanze firmate dagli chef stellati.

Sicuramente, molto è dovuto all’impegno, alla passione e alla professionalità con cui Guido Accordini, ex direttore commerciale in Campari S.p.a, ha portato avanti la sua idea. É diventato enologo seguendo le orme del padre e questo li ha permesso di portare avanti una tradizione di famiglia che era iniziata già nel’800. L’amore per il suo territorio particolarmente generoso, ovvero quello della Valpolicella, ha fatto si che oggi l’Igino Accordini Winery abbia assunto un ruolo di assoluto rilievo nel panorama viticolo nazionale e internazionale.

Igino Accordini Winery, una tradizione di famiglia che punta alla sostenibilità

La tradizione di Igino Accordini è stata portata avanti da quest’azienda che oggi, anche se adotta soluzioni tecnologicamente innovative, cerca di coniugare l’efficienza con la sostenibilità ambientale. Infatti, come tanti anni fa, l’uva viene coltivata ancora secondo il metodo tradizionale adottato in quella zona d’Italia. Si tratta, appunto, della pergola veronese , un sistema di coltivazione che che prevede un appassimento di lunga durata che arriva a impiegare 5 mesi.

Oggi come allora, quando la neonata impresa era guidata dal suo fondatore, il padre di Guido, ci si dedica con attenzione a ogni coltivazione preferendo le tecniche che sono davvero sostenibili per l’ambiente.

Igino-Accordini-1

Per prima cosa, molta importanza viene data al rispetto della morfologia del territorio per la coltivazione delle uve. Per l’irrigazione, invece, sono utilizzati degli impianti a goccia che permettono di ottenere ottimi risultati, senza però comportare sprechi idrici. Passione, amore per la terra e la tradizione, quindi, vanno di pari passo con un’attenzione all’ambiente e un rispetto per la natura che diventa uno dei tratti distintivi dell’Accordini Winery di oggi.

Oggi, l’Amarone Igino Accordini Winery, che racchiude i valori di questa azienda, è diventato uno die prodotti di punta del brand e anche della tradizione vitivinicola italiana all’estero.

Non solo Amarone, gli altri vini firmati Igino Accordini Winery

Le cantine della Igino Accodini Winery non sono note solo per l’Amarone, che continua a essere uno dei miglior vidi dell’azienda e della produzione italiana, ma anche altri vini tipici della zona. Tra questi c’è il Recioto, un caratteristico vino dolce del veronese, il Passito, Valpolicella ClassicoCorvina Veronese, ma anche un Lugana, uno spumante Brut e una deliziosa Grappa.

La Valpolicella è una terra dedita alla produzione vitivinicola, infatti il suo nome sta a significare proprio “valle di tante cantine”, come recita il latino “Val polis cellae”. La sua offerta generosa è dovuta anche a un clima particolarmente mite, caratterizzato da scarse piogge e un terreno calcareo, condizioni perfette per la coltivazione della vite che proprio qui cresce in modo molto generoso.

Le bellissime colline della zona sono attraversate da ruscelli, piccoli torrenti detti progni, che non solo abbelliscono questa terra caratterizzata da panorama incantevoli, ma la rendono anche perfetta per ospitare e far crescere per le varie cultivar autoctone.

amarone igino accordini vino

La selezione di vini che si può trovare nella cantina di Casa Accordini include bottiglie per tutti i gusti: dai più classici come Augustus, un vino rosso decisamente raffinato, ma dal sapore intenso, a quelli invece, che sono vere e proprie bottiglie da collezione. Tra i vini pregiati ci sono Le Bessole, una linea specifica prodotta solo con acini maturi di uve autoctone che si caratterizzano per un’elevata tannicità.

Il Recioto, tipico della zona veronese, è il risultato di una precisa e attenta selezione delle uve. La scelta avviene proprio quando l’uva è ancora nella sua fase di vegetazione. La raccolta viene eseguita esclusivamente a mano, come si faceva una volta, e la procedura di appassimento prevede la stesa su appositi graticci. Dopo la prima fase di fermentazione, il vino deve essere messo nelle botti. Il risultato finale da un vino piacevolmente dolce. Sorseggiando un bicchiere di Recioto della Igino Accordini Winery si possono assaporare i sentori di vaniglia e note floreali: l’abbinamento con della cioccolata fondente è la soluzione migliore per gustare a pieno il suo sapore.

Sicuramente da menzionare è il vino Valpolicella Ripasso. Si tratta di una produzione tradizionale che viene ottenuta ripassando la Valpolicella sulle vinacce utilizzate per l’Amarone ed è questa procedura a dargli questo nome particolare.

Le vinacce calde e ad alto contenuto di zuccheri fanno si che questo vino abbia un gusto particolare, molto ricco e decisamente speziato con un sottofondo che ricorda il sapore della marmellata di more.

Il Valpolicella Ripasso è uno dei vini nobili considerato, tra l’altro, uno stretto parente del più famoso Amarone.

ella cantina di casa Accordini c’è una vasta selezione di vini, dai più classici come Augustus, un vino rosso raffinato, ma deciso,  a quelli decisamente pregiati e da collezione, come Le Bessole, una linea che viene prodotta solo con gli acini pienamente maturi e ed esclusivamente utilizzando uve autoctone con una buona tannicità.

Il Recioto, tipico del veronese, viene prodotto attraverso una precisa selezione delle uve, che vengono scelte quando sono ancora in fase di vegetazione. La raccolta è rigorosamente manuale e, dopo un appassimento su graticci e la prima fase di fermentazione, il vino viene messo in botti. Il risultato è un vino dolce, in cui si evincono sentori di vaniglia e fiori ed è perfetto per essere degustato con un cioccolato fondente.

Degno di nota è il Valpolicella Ripasso, un vino tradizionale che si ottiene ripassando il Valpolicella sulle vinacce utilizzate per l’Amarone e da qui prende il nome.  Le vinacce calde e ricche di zuccheri donano a questo vino un gusto particolare, ricco e speziato, in cui è possibile sentire appena la marmellata di more.

Il Valpolicella Ripasso può essere definito come uno dei vini nobili ed è uno stretto parente del più noto Amarone. Il suo gusto fruttato lo rendere un accompagnamento perfetto per la carne e i formaggi.

ella cantina di casa Accordini c’è una vasta selezione di vini, dai più classici come Augustus, un vino rosso raffinato, ma deciso,  a quelli decisamente pregiati e da collezione, come Le Bessole, una linea che viene prodotta solo con gli acini pienamente maturi e ed esclusivamente utilizzando uve autoctone con una buona tannicità.

Il Recioto, tipico del veronese, viene prodotto attraverso una precisa selezione delle uve, che vengono scelte quando sono ancora in fase di vegetazione. La raccolta è rigorosamente manuale e, dopo un appassimento su graticci e la prima fase di fermentazione, il vino viene messo in botti. Il risultato è un vino dolce, in cui si evincono sentori di vaniglia e fiori ed è perfetto per essere degustato con un cioccolato fondente.

Degno di nota è il Valpolicella Ripasso, un vino tradizionale che si ottiene ripassando il Valpolicella sulle vinacce utilizzate per l’Amarone e da qui prende il nome.  Le vinacce calde e ricche di zuccheri donano a questo vino un gusto particolare, ricco e speziato, in cui è possibile sentire appena la marmellata di more.

Il Valpolicella Ripasso può essere definito come uno dei vini nobili ed è uno stretto parente del più noto Amarone. É perfetto per accompagnare la carne e i formaggi con i quali si sposa perfettamente per i suoi sapori fruttati.

Amarone Igino Accordini: tutto quello che c’è da sapere

L’Amarone Igino Accordini della Valpolicella è una bottiglia frutto di una produzione vitivinicola tipica e riconosciuta con marchio DOCG. Tuttavia, non tutti sanno che questo vino ha alle spalle una storia davvero particolare, tanto che la sua nascita è legata a un aneddoto.

Sembrerebbe, infatti che negli anni’40, un noto cantiniere della zona, detto Bertani, dimenticò del vino nelle botti lasciandolo fermentare per troppo tempo. La sua intenzione iniziale era quella di ottenere il Recioto, altro vino tipico della zona, ma quando andò ad assaggiare il contenuto delle botti si accorse che il gusto era decisamente diverso dal vino che desiderava, che invece doveva essere dolce, e definì così con il termine di “amarone” questa produzione frutto del caso.

amarone igino accordini bottiglia

In realtà, dietro quell’avvenimento fortuito, si  nascondeva uno dei più grandi successi della tradizione vinicola della Valpolicella, e di tutta Italia.  L’Amarone della Valpolicella è ritenuto oggi uno dei vini più pregiati apprezzato da tantissimi estimatori in tutto Mondo.

Sia in Europa, che negli Stati Uniti e sia Asia la fama dell’Amarone di Igino Accordini è arrivata letteralmente al palato dei grandi estimatori di vini, ma anche degli amatori che hanno solo avuto il piacere di assaggiare un buon bicchiere di questo vino, deciso e dal colore inconfondibile.

L’Amarone della Valpolicella è uno dei prodotti che tiene alta la bandiera della produzione enogastronomica veronese in Italia e nel Mondo. Circa l’85% della produzione vitivinicola locale è rappresentata, infatti, dall’Amarone e in un anno vengono prodotte oltre 1 milione di bottiglie.

Nonostante i grandi numeri, soddisfare la domanda è impossibile: infatti, la sua richiesta è altissima e difficilmente i produttori riescono a soddisfare completamente gli estimatori dell’Amarone.

L’Amarone Igino Accordini è il risultato della stessa passione e della profonda dedizione che animava Igino Accordini dopo il secondo conflitto mondiale. Oggi, Guido Accordini con sua moglie Liliana, coadiuvati da un team di esperti, seguono il procedimento con lo stesso rigore adottato dal padre anni fa.

Tra gli ingredienti di questo vino, oltre le uve selezionate, c’è sicuramente la passione che rende questo vino della Valpolicella uno dei migliori in cui si fondono i sapori e sentori speziati.

L’Amarone Igino Accordini viene prodotto con un processo di vinificazione a caldo, mentre la fase successiva della raffinazione viene eseguita per 12 mesi. Trascorso un anno, il vino viene lasciato nel tonnau e travasato in appositi contenitori di acciaio poco prima di essere imbottigliato.

É disponibile anche una versione a tiratura limitata e un’edizione speciale dell’ Amarone Igino Accordini. Tuttavia, si tratta di un vino ricercato, realizzato con una produzione esclusiva che può essere fatta solo in alcuni anni. Il risultato è un vino molto diverso e molto più deciso al palato.

Il suo sapore è dovuto alla più lunga permamenza nel tonnau, che viene stesa fino a 24 mesi, raddoppiando i tempi previsti per l’Amarone classico, oltre che dall’utilizzo di una specifica parte delle vinacce. Per questa produzione a tiratura limitata, infatti, viene selezionato solo il cuore delle vinacce, la parte più ricca di sapore.

Per chi ama i vini caratterizzati da una forte struttura, l’ Amarone Riserva sarà una piacevole sorpresa: al palato si presenta con un gusto decisamente avvolgente e strutturato, mentre al naso risultano subito evidenti i profumi di amarena, ciliegia e frutta rossa delle conserve sotto spirito. Questo vino prezioso, inoltre, viene imbottigliato in bottiglie numerate che evidenziano la sua esclusività.

L’Amarone Igino Accordini è senza dubbio il protagonista indiscusso della Winery che porta avanti la tradizione della famiglia Accordini: qui, può essere sorseggiato nel migliore dei modi, ovvero abbinandolo a piatti prepararti dalle abili mani dei più famosi chef stellati a base di selvaggina e formaggi stagionati tra cui non può mancare il tipico risotto.

Quanto é utile?
[Totale: 2 Media: 5]
Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close