Tecnologia

Arriva Google Voice Access – La Soluzione di Google per la Telefonia del Futuro.

Google Diffonde la Nuova App per Poter Venire Incontro a Chi Soffre di Patologie Motorie.

La telefonia è il settore del mercato più florido al momento, dato che ogni giorno vengono venduti milioni di smartphone di vario tipo in qualunque parte del mondo. Le aziende produttrici che si occupano di realizzare nuovi modelli di telefoni sono in costante competizione e danno continui nuovi spazi a ingegneri informatici e esperti per la realizzazione di moderne applicazioni. Grazie alle varie app disponibili è infatti possibile ormai compiere qualunque tipo di adempimento senza sforzo.

Esistono app per messaggistica istantanea, applicazioni per recensioni di negozi, per prenotare viaggi e cene, per compiere transazioni e molto altro ancora. Nella miriade di possibilità c’è però chi per fortuna pensa a prodotti che possano anche avere una funzionalità più alta, più “illuminata”.

Arriva Google Voice Access - La Soluzione di Google per la Telefonia del Futuro.

Stiamo parlando di Google, un brand che ha raggiunto ormai quotazioni stellari e che si è stabilito nei mercati come uno dei colossi più importanti al mondo. Proprio Google ha infatti deciso di lanciare di recente una nuova app chiamata Google Voice Access, o più semplicemente Voice Access. Come si può facilmente intuire dal nome, questa applicazione si attiva con comando vocale.

La sua particolarità però sta nella sua portata molto estesa. Voice Access permetterà infatti di gestire tutte le funzionalità del proprio smartphone, dalle più complesse alle più generiche, direttamente con comando vocale. Sarà quindi possibile scrivere testi, modificarli, chiudere e aprire cartelle, effettuare chiamate e selezionare contatti con la propria voce, dimenticandosi completamente dell’uso delle dita.

Questa intrigante e innovativa idea ha visto la luce proprio in vista di una facilitazione dell’uso dello smartphone per tutti coloro che soffrono di particolari disabilità motorie, che rendono quindi poco pratico un agevole utilizzo dell’apparecchio tecnologico.

Il prodotto ovviamente è pensato anche per chi non soffre di malattie particolari, ma ha magari una impossibilità temporanea di gestire fisicamente lo smartphone. Il product manager del team Accessibilità Google ha infatti riferito queste parole: “Sebbene offra grandi benefici alle persone con morbo di Parkinson, sclerosi multipla, artrite o lesione del midollo spinale, Voice Access può essere utile anche a chi non ha disabilità ma, ad esempio, sta cucinando“.

Foto Ansa

 

Related Articles

Close